Lettera a Don Aurelio: alunni della scuola secondaria di 1° grado – JELSI

Il 7 aprile 2017, presso la nostra Scuola Media, abbiamo ospitato la mostra
fotografia in ricordo di Don Aurelio Pulla, nato a Limosano e sacerdote a Jelsi per
20 anni, che ha fatto dell’umanità e della misericordia il tratto distintivo del suo
esercizio sacerdotale.
Se l’arte è comunicazione, la mostra fotografica attraverso cui abbiamo conosciuto
la figura di Don Aurelio, è stata sicuramente, per noi ragazzi, di I II III Media,
un’autentica fonte di trasmissione di valori e comportamenti cristiani.
Nell’ambito della mostra, attraverso parole accorate, alcune persone che l’hanno
conosciuto, ce lo hanno presentato come una persona speciale, per il suo stile di
vita, un secondo padre, un educatore, un confidente perché ascoltava e aiutava a
risolvere i problemi delle famiglie. Egli sapeva coinvolgere i giovani e cercava
sempre di avere un ruolo di guida amorevole educandoli secondo principi didattici
più che mai attuali oggi.
Da lui apprendiamo valori importanti quali: altruismo, amore verso il prossimo e
soprattutto impegno cristiano. Ha lasciato il ricordo di un sacerdote sorridente,
umile, rispettoso, dal cuore limpido, onesto e gentile con gli altri, pronto ad
assistere chiunque ne avesse bisogno.
La mostra fotografica ha evidenziato alcuni momenti molto significativi della vita
personale di Don Aurelio ma anche scatti in cui viene ritratto con i suoi
parrocchiani nei diversi momenti di aggregazione di cui si faceva promotore.
“Il Parroco del sorriso”, così è bello chiamarlo, è riuscito a realizzare un centro di
ritrovo: la casa parrocchiale, per dialogare con i giovani, formarli, farli divertire e
motivarli ad essere buoni pellegrini nella vita; aperti principalmente al bene, alla
vita, alla fede.
Le tante uscite insieme, i campeggi fuori Jelsi, testimoniati dalle foto, dimostrano la
fiducia che le famiglie nutrivano nei confronti del Parroco. Affidandogli i propri
figli sapevano che lui si sarebbe impegnato a controllarli, proteggerli, farli divertire
ma nello stesso tempo li avrebbe aiutati a superare le difficoltà, al fine di avviarli
sulla strada dell’autonomia.
Noi ragazzi vorremmo ereditare da Don Aurelio quell’entusiasmo, quella passione
piena, quella ricchezza spirituale, che ha saputo trasmettere a coloro che lo
seguivano e che oggi testimoniano a chi non lo ha conosciuto.

Grazie all’Associazione Don Aurelio!

Gli alunni della Scuola Secondaria 1° grado – JELSI
Docenti: Gennaro Rosaria, Valiante Michelina.